Sede dell’associazione
President : Lionel Heiwy
18 rue du Nideck - F-67000 STRASBOURG
Tél : 06 36 53 91 66
Email : heiwy.lionel@orange.fr

Visite e Circuiti

L’Alsazia, più piccola regione francese pero’ grande per l’influenza europea, trae la forza e l’identità nella sua storia molto  articolare. Questa forte identità culturale si ritrova nel patrimonio di una richezza eccezionale, nella gastronomia e nelle tradizioni che saremo felici di farVi scoprire:

“ Se il Paese della Cucagna avesse delle colonie, l’Alsazia ne sarebbe senz’altro la più
bramata” Tomi Ungerer

Non è dunque a caso se nel 2010 la rivista Lonely Planet ha classificato l’Alsazia nel Top 10
delle regioni da non perdere.

La richezza e la varietà dei paesaggi e del patrimonio non ci consentono di stabilire qui un elenco esauriente dei siti e luoghi da visitare in Alsazia, pero’ ad auitarVi a preparare il vostro viaggio.

Vi proponiamo di consultare i documenti e fascicoli all’uso degli organizzatori di viaggi nei quali troverete tutte le informazioni pratiche su questi luoghi.

Potrete consultarli sui seguenti siti

Troverete anche dei link utili per le vostre ricerche nei brevi riassunti a seguire. Poichè non siamo agenzia di viaggio, facciamo qui solo un accenno alle visite per lequali le nostre guide sono più richieste; ciononostante rimaniamo a disposizione per consigliarVi e adattarci alle Vostre richieste particolari.

Il nostro moto: per ogni uno una visita particolare www.tourisme67.com/brochures/telechargement-brochure-alsace.

L’Alsazia Vi aspetta cosi come le nostre guide che Vi faranno scoprire tutte le bellezze della nostra cara regione.

STRASBURGO

www.otstrasbourg.fr

Strasburgo the Europtimist, Strasburgo la Romantica, Strasburgo l’Europea , Strasburgo affascina.che uno sia Strasburghese o visitatore per un giorno. Strasburgo, con i suoi 2000 anni di storia e classificata dal 1988 al patrimonio mondiale dell’Unesco, è una città che suscita ammirazione ed entusiasmo.

Strasburgo si legge come un libbro di storia tramite i suoi monumenti storici tale la Cattedrale Notre Dame, gioiello dell’arte gotica, nei musei o anche nelle viuzze caratteristiche che Vi porteranno immancabilmente verso la Petite France, vecchio quartiere dei conciatori di pelle, che ha saputo mantenere un insieme notevole di case a graticcio del 16° secolo. Visitare Strasburgo è fare un viaggio nel tempo, dalle origini romane della città alla vocazione europea, passando dall’appartenenza al Sacro Romano Impero Germanico, ai tumulti della riforma protestante, di cui fù uno tra i più foccosi centri, al secolo delle luci e infine agli scompigli del secolo scorso che hanno portato la città ad essere naturalmente simbolo di pace e di riconciliazione, ospitando numerose istituzioni europee tra lequali il Consiglio dell’Europa, la Corte Europea dei Diritti dell’Uomo e il Parlamento Europeo. Giovane e dinamica, collegando tradizioni e modernità, Strasburgo si prevale di una università di elite a livello europeo e anche mondiale.

Ecco alcuni suggerimenti di visita:

  • Scoperta classica della Cattedrale e della Piccola Francia
  • Museo alsaziano
  • Museo d’arte moderna e contemporanea
  • Museo storico
  • Museo dell’Opera di Notre Dame
  • Museo di archeologia, delle belle arti e delle arti contemporanee al Palazzo Rohan
  • Tradizioni natalizie
  • Patrimonio ebraico
  • Protestantesimo a Strasburgo
  • Strasburgo insolita
  • Tematica liberty
  • Tematica rinascimento
  • Tematica città imperiale
  • Tematica città del 700

CATHEDRALE DE STRASBOURG - MEMENTO DES REGLES DE VISITE

SELESTAT E L’ALSAZIA CENTRALE

www.selestat-tourisme.com / www.ot-valdeville.fr

Questa città carina situata nel cuore del Ried ( Paludi) tra montagne e pianura,Vi farà scoprire i suoi tesori architettonici: la chiesa di Santa Fede con la torre di crociera a forma di mitra e la chiesa di San Giorgio con le splendide vetrate.

Città libera del sacro Impero germanico; Selestat conobbe la sua ora di gloria nel periodo rinascimentale.La sua famosa scuola latina ci ha trasmesso una tra le più antiche biblioteche publiche francesi, la Biblioteca umanistica che conserva opere risalenti dal 7° al 16° secolo ed è oggi iscritta al registro “Memoria del mondo” dell’Unesco.

Selestat è il punto di partenza ideale per la scoperta dell’Alsazia centrale.

 Natale in Alsazia

Ogni anno, fine Novembre, l’Alsazia si ricollega coll’Avento e le tradizioni cristiane secolari e sempre vive. Illuminazioni e adobbi abbelliscono strade e case per la stagione invernale che incommincia.A Strasburgo, Capitale del Natale, sul piazzale Kleber si innalza il grande abete dei Vosgi, simbolo della festa e si apre il Chriskindelmarik, più antico mercato del Natale già citato nel 1570. Le bancarelle dei Wihnachtsmarike sono istallate nelle viuzze delle città medioevali. Piccoli e grandi si incontrano di sera a passeggiare nel mondo favoloso di fiera viva e gioiosa.Come non resistere ai profumi di canella e di arancia, all’inebriante vin brulé, ai bredele e pan speziato... L’albero di famiglia, le ghirlande, le palle di Meisenthal, e i santoni del presepe sono esposti sulle bancarelle vicino al Chriskindel, la fata delle luci e al suo orribile compagno il Ruppelz selvaggio e il gran San Nicola. Un programma di concerti e rappresentazioni spirituali è proposto lungo le quattro settimane prima del Natale.Il mercato di Natale è prolungato a Strasburgo fino al 31 Dicembre per accogliere i visitatori in una città ancora adobbata e accogliente.

Il Patrimonio Ebraico

http://www.tourisme67.com/patrimoine-juif.htm

Delle comunità ebraiche sono presenti nella valle del Reno sin dall’epoca romana.Con il passar dei secoli, diventano rurali e ci lasciano un patrimonio eccezionale e abondante. La scoperta del patrimonio ebraico specifico in Alsazia puo organizzarsi su diversi giorni o qualche ora. Vi suggeriamo le visite seguenti: il museo-giudeo-alsaziano di Bouxwiller e la sinagoga di Pfaffenhoffen, le sinagoghe di città e paesi: Colmar, Obernai e/o i cimiteri ebraici, la visita del mikve e i vecchi quartieri ebraici di Strasburgo,traccie di vita e culto nei musei di Strasburgo e Colmar

La Strada dei Vini

 www.vinsalsace.com / www.alsace-route-des-vins.com /  www.tourisme-alsace.com/fr/villages-typiques

Inaugurata nel 1953, la più antica strada dei vini Francese è un’escursione da non perdere. La strada serpenteggia sul piedimonte dei Vosgi, dominata delle rovine delle roccaforti e attraversa i vigneti, le città e paesini medievali di cui certuni sono classificati “ più bei paesi di Francia”: Riquewihr, Obernai, Ribeauvillé, Eguisheim .....Numerosi viticoltori Vi aspettano nelle loro cantine per invitarVi a degustare i loro vini dai nomi suggestivi: Muscato, Riesling e Gewurztraminer... Numerose feste popolari punteggiano la stagione delle vendemmie: feste dei Giocolieri, festa
del vino nuovo, feste delle vendemmie.

La Strada delle Cime

 www.vallee-munster.eu / www.gerardmer.net

InnalzateVi ! Questa vecchia strade militare tra i 1000 e i 1300 metri di altitudine consente di ammirare magnifici panorami sui Vosgi, i suoi laghi e le loro cime tali il Markstein e il Grand Ballon.I pascoli alti e il loro tapetto di fiori naturali offrono alle mucche dei Vosgi larghi spazzi.Il loro latte darà uno dei tesori delle gastronomia alsaziana, il formagio Munster. Qui la natura è regina, e grandiosa in ogni stagione! E dopo la scoperta dei “ Ballons” a piedi, sugli sci, con il bus o colla bici, lasciateVi tentare dal pranzo “marcaire” in un agriturismo, da non perdere assolutissimamente!

La Foresta Nera

www.foretnoire.info / www.freiburg.de


Con le fattorie tipiche, la famosa torta, gli orologi a cucù, la Foresta Nera offre grande varietà di paesaggi.Agli ammanti di sport, di natura e di salute, la Foresta Nera propone ampi spazzi di foreste e di montagna, dei laghi tra i quali il Titisee, degli impianti sciistici e una concentrazione di centri di termalismo più densa d’Europa comme quello di Baden Baden. Porta di ingresso della Foresta Nera, la città universitaria di Friburgo in Brisgau con il suo centro pedonale e la stupenda cattedrale offre un ambiente festivo tutto l’anno.

Colmar

 www.ot-colmar.fr

Figlia coccolata dell’Alsazia, la città di Colmar con i vigneti alle porte fù una città prosperosa sin dalla fondazione, dottandosi cosi’ di un patrimonio eccezionale dove influenze architettoniche germaniche e francesi si armonizzano a meraviglia.Con le sue case a graticcio colorate ragruppate nel quartiere della Piccola Venezia, la città è una tra le più caratteristiche della regione e un luogo ideale per festeggiare il Natale. Colmar è anche una città inaggirabile per gli amanti di arte: il museo Unterlinden nell’antico convento delle Domenicane ospita uno dei capo lavori della pittura religiosa del 500: la pala di altare di Issenheim del maestro Mathias Grunewald.

Mulhouse

 www.tourisme-mulhouse.com

 

La metropoli della Alta Alsazia è fiera della nomina “città di arte e di storia”. Spesso sconosciuta, ci si puo’ scoprire un patrimonio che riflette il dinamismo industriale della regione sin dal XVIII°secolo. Non dubitate e venite a scoprire il museo delle stampe su stoffe, sorgiva di ispirazione per i diesigners di moda attuali, il museo delle ferrovie, la città dell’automobile dove potrete scoprire le carozzerie risplendenti delle più belle berline del mondo tra lequali le famose Bugatti Royale. Oltre ai musei, la città è fiera della riconversione dei vecchi palazzi industriali in centri culturali di primo piano.Una città che avanza
all’incrocio tra Francia, Germania e Svizzera.

L’Alsazia del Nord

www.tourisme-alsacedunord.fr

Tra i promontori di arenaria rossa del Parco dei Vosgi del Nord e il delta della Sauer affluente del Reno, si apre una regione unica dal fascino autentico.A Nord di Haguenau, si apre un paesaggio di colline modeste coperte di campi lavorati, sparsi di peasotti fioriti con ricche fattorie a gratticcio.Vi scoprirete Hunspach, un dei “ più bei paesi di Francia”, Mothern la città dei barcaioli del Reno, Woerth e Reichshoffen, luoghi di memoria della guerra francoprussiana del 1870 e i paesi dei vasai di Soufflenheim e Betschdorf.Wissembourg , la città del poeta Otfried e del Hans Trapp di Natale,è famosa per l’abbazia san Pietro e Paolo.Le rovine dei castelli di Fleckenstein, la città di Lauterbourg, porta della Francia , incendiata, bombardata e tante volte ricostruita, e la fortezza sotteranea del Four à Chaux, sul fronte della Linea Maginot, ricordano che la serenità apparente del paese è frutto di uno sforzo di pace nel cuore di una nuova Europa.

Turismo militare e di memoria

 www.tourisme-alsace.com/fr/lieux-de-memoire

L’Alsazia ha un posto particolare nei libbri di storia Per secoli, la regione fù contesa tra Francia e Germania. Provincia di confine, che tra il 1870 e il 1945 ha cambiato 5 volte cittadinanza, occupata, anessa, traballata da una cultura all’altra, la regione ha visto morire centinai di migliaia dei propri figli sotto una divisa o l’altra. Dalle riconciliazione franco-tedesca, firmata con il Trattato dell’Eliseo nel 1963, è potuta nascere un’Europa pacificata , fraterna e unificata. Certuni luoghi e paesaggi rimangono segnati per sempre dal passato travagliato della regione che tramanda con forza e pudore la memoria degli anziani. Tra i siti aperti al pubblico e che consentiranno di capire meglio la nostra storia, proponiamo: